Anna

Mi sono ritrovata nelle sue parole perché comprendo cosa vuol dire il dolore dell’anima che io chiamo: “un coinquilino abusivo del cuore; cerchi di mandarlo via ma resta sempre al suo posto.”